Agordini a Kosseir. Storia di una comunità

18,00 €

iva esente Art. 74

Dettagli
  • ISBN: 9788888422602
  • Casa editrice: Agorà Libreria Editrice
  • Autore: Pellegrini Ildo
  • Numero pagine: 257
  • Data di uscita: 15 luglio 2011
  • Quantità disponibile: 16

Ildo Pellegrini

Agordini a Kosseir.

Storia di una comunità nelle miniere di fosfati in Egitto


Luglio 2011, in 8°, pp. 248, ill., br. ed., €. 18


“Questa pubblicazione trae origine da una mostra fotografica, allestita nell’estate 2006 ad Agordo, in occasione dell’inaugurazione del nuovo museo geologico e paleontologico, in cui l’ingegner Ildo Pellegrini ha esposto la documentatissima testimonianza di una vicenda umana e professionale, vissuta in prima persona, che ha avuto per protagonista una comunità agordina in terra egiziana. E’ la storia di un consistente gruppo di tecnici e minatori che dal 1912 al 1963 hanno dato vita, nel solco di una secolare tradizione mineraria, ad una fiorente attività estrattiva di fosfati a Kosseir, un piccolo porto in riva al Mar Rosso.

Il valore di tale esposizione è stato evidenziato dal notevole interesse dimostrato dai tanti visitatori, per alcuni dei quali ha rinverdito il ricordo di quella singolare - e per certi versi unica - esperienza, vissuta direttamente o nell’ambito della famiglia, e conclusa nella prima metà degli anni Sessanta del secolo scorso. E’ parso quindi doveroso fermare quella significativa memoria in un libro sia per onorare il lavoro e il sacrificio di quella “colonia” agordina in Egitto, sia in omaggio a Ildo Pellegrini che ha gelosamente conservato un così copioso e prezioso archivio, con il solo rammarico che nel frattempo (luglio 2008) egli ci abbia prematuramente lasciato per un altro... porto e non abbia potuto vedere e godere la realizzazione di quest’opera.

Nel presente libro sono stati inseriti vari documenti e testimonianze, accanto a numerose immagini, nella speranza di rendere più chiara e completa la successione fotografica, espressione concreta di quella comunità agordina che ha ben operato, si è fatta onore ed è stata apprezzata per un così lungo periodo a Kosseir.”

Top