Pietro Marchioretto 1761-1828

40,00 €

iva esente Art. 74

Dettagli
  • ISBN: A81
  • Quantità disponibile: 1

Categorie dove il libro è presente
  • Locale

CONTE, Paolo. 
Pietro Marchioretto (1761 - 1828): un paesaggista tra Veneto e Tirolo.
Comune di Lamon, Lamon. 2007 269 p., 28 cm, bross. Ottimo. Riccamente illustrato a colori, con schede delle opere. Un paesaggista che dalla laguna risalì fino al Tirolo e raccontò questi viaggi pittorici attraverso i quadri, le incisioni e i disegni: questo era Pietro Marchioretto, vissuto tra il 1761 e il 1828. Nato a Lamon, morto a Telve in Valsugana, l?artista viene ora riscoperto da Paolo Conte. Con la passione dello studioso dell?arte e della storia, con la costanza e la pazienza del detective ma anche con un pizzico di fortuna, Conte ha lavorato per venti anni a costruire la biografia e trovare le opere di Marchioretto. «L?idea del libro nasce 3 - 4 anni fa» spiega Conte «ed era praticamente pronto, quando ho scoperto altri sette quadri e una lettera, tutti inediti». A quel punto non è rimasto che rifare il libro. E chissà che di quadri non ce ne siano ancora, presso collezionisti privati soprattutto del Trentino, luogo dove Marchioretto ha vissuto a lungo (in Valsugana ma anche in altre città). Chi era Pietro Marchioretto? Pochissimi coloro che se ne sono occupati prima di Conte: Nicolò Rasmo nel 1943, Ignaz Mader che per primo parla delle incisioni e le pubblica, il lamonese Liberale Paganini che scoprì il vero anno di nascita, dopo che per decenni era stata indicata nel 1772, alcuni storici dell?arte tedeschi nei primi anni del Novecento, e Giorgio Lise, che lavorava al museo del Castello Sforzesco di Milano

Top