News

Home Libreria Libri in commercio Agora Editore Storia Occasione di fare il proprio dovere (L')
Info: Il tuo browser non accetta i cookie. Se vuoi utilizzare il carrello e fare acquisti devi abilitare i cookie.
PDF

Occasione di fare il proprio dovere (L')

Zoom
Richiedi informazioni
EAN: 9788888422596
Autore: Vello Michele
Editore: Agorà Libreria Editrice
Data uscita: 20 giugno 2011
Pagine: 124
€11,00
€9,90
Risparmi: 10.00%

Michele Vello.


L'occasione di fare il proprio dovere. Il capitano Angelo Zannettelli e i suoi soldati contro i briganti ascolani nell'inverno 1860-1861

Br ed., in 8° , pp.128, ill. b.n., €. 11,,00


"Una ricerca storica assomiglia molto ad un'inchiesta. Bisogna trovare i testimoni degli eventi, confrontare quel che hanno detto, analizzare come si sono svolti i fatti, sulla base delle varie versioni che di questi sono state date, separare ciò che è verosimile da ciò che non lo è. Verosimile. Forse la parola è questa. Tentare di avvicinarsi quanto più possibile alla verità, con la consapevolezza di essere destinati a rimanere sul piano di un'approssimazione, non di un possesso definitivo. Eppure anche la parzialità di una ricostruzione, per giunta di una vicenda individuale come quella che costituisce il filo conduttore di questo libro, può contribuire, come una tessera ricollocata, a dare una sfumatura in più al mosaico ampio e complesso degli avvenimenti che portarono all'unificazione nazionale.

È una delle ragioni che mi hanno spinto a ripercorre l'ultima parte della vita del conte feltrino Angelo Zannettelli, nel tentativo di togliere dall'oblio o dall'angustia di poche notizie, quasi sempre le stesse, costantemente ripetute per più di un secolo da quanti si sono occupati di lui, la figura di un uomo in cui si incarnarono veramente – e si può dirlo senza paura di cadere nella retorica- gli ideali risorgimentali di libertà e di indipendenza. Una vita avventurosa che si spense in una fredda mattina di gennaio del 1861, a Mozzano, pochi chilometri da Ascoli Piceno, lungo la via Salaria, in direzione di Roma, mentre era alla testa di una compagnia dell'esercito piemontese, impegnata nel tentativo di reprimere la violenta reazione di gruppi organizzati di Ausiliari pontifici, fedeli al papa re Pio IX. L'alto Ascolano era attraversato, in quei giorni, da fortissimi movimenti di resistenza all'occupazione delle truppe di Vittorio Emanuele, che, dopo la battaglia di Castelfidardo e la conquista di Ancona, avevano preso possesso delle Marche, aprendosi una strada per la penetrazione verso sud, volta soprattutto ad impedire una deriva in senso repubblicano dell'impresa garibaldina. Così anche l'episodio, minore se visto nel grande affresco della storia risorgimentale, in cui si trovarono coinvolti il capitano Zannettelli e i suoi soldati, la gran parte dei quali veneti e suoi comprovinciali, diventa interessante per rivelare quell'incontro-scontro tra mondi culturalmente lontani che contraddistinse la nascita del nostro stato."

 

Carrello

Al momento il tuo carrello è vuoto Nessun articolo selezionato

In evidenza

Lontra e il menadàs (la)
Zoom
Lontra e il menadàs (la)
Asche Roswita, Tollardo Giulio
 

Richiedi libro

 

Solo una minima parte dei “Libri in commercio” presenti in Libreria, oltre 50.000 titoli, sono visibili nel Sito.

 

Per gli stessi basta chiedere la disponibilità/reperibilità al vostro libraio che vi risponderà immediatamente